Ultime Novità dallo studio

Benvenuto nello Studio Medico Dentistico Associato Banzi in questa pagina potrete trovare tutte le informazioni sulle ultime novità in ambito medico/dentistico, tutti i nuovi macchinari e tutte le nostre promozioni. Ti consigliamo di visitare periodicamente questa sezione!

ALITOSI

L’alitosi è un odore sgradevole proveniente dalla cavità orale, con conseguente disagio e imbarazzo psicosociale. L’alitosi sembra interessare più del 50% della popolazione mondiale e può essere ricondotta sia a cause dentali sia biologiche.

Fondamentalmente le alitosi salitosi-img-82_smallono di 2 tipi:

  • quella transitoria (riguarda il 80% dei casi): appare solo in alcuni momenti della giornata. L’alitosi in questi casi è causata da problemi legati al cavo orale (malattia parodontale, tartaro, placca batterica, ascessi, carie profonde, ulcere, protesi incongrue, fumo o assunzione di alcool). La lingua è la sede maggiore d’insorgenza di alitosi. E’ sostanzialmente un fenomeno fisiologico e risponde molto bene all’igiene orale, attraverso la quale si riesce a spazzare via dal cavo orale i batteri anaerobici ritenuti i principali responsabili;
  • quella patologica persistente (riguarda il restante 20% dei casi): al contrario della prima non scompare anche dopo un’accurata igiene orale in quanto è causata da varie patologie del cavo orale e in qualche caso purtroppo deriva da malattie sistemiche gravi quali il diabete mellito, le epatopatie acute e l’ insufficienza renale cronica (in questi casi l’alitosi non è né il primo né il più grave dei sintomi che il malato  avverte).

Il metodo più efficace per testare il proprio alito è il seguente:

  • strofinare la lingua su un polso ben pulito e non profumato, aspettare alcuni secondi e poi odorare;
  • far uscire la lingua fuori dalla bocca il più possibile e strofinarne la superficie due o tre volte su una garza sterile. Attendere 40 secondi e odorare la garza;
  • passare un filo interdentale (non aromatizzato, non cerato e  di colore bianco) tra i molari posteriori superiori e inferiori. Se il filo dopo 40 secondi assume un colore marroncino, odorarlo.

Al contrario di quanto generalmente si pensa, il soffiare l’alito all’interno del palmo della mano non fornisce alcuna indicazione;La causa dell’alitosi è principalmente da ricondurre alla presenza di germi nel cavo orale in grado di decomporre i residui organici trasformandoli in compostisolforati.

La terapia

I composti contenenti zinco hanno dimostrato di ridurre l’alitosi senza causare alterazioni né alla struttura né alla colorazione dei denti. Un secondo meccanismo dello zinco è legato alla inibizione dalla proliferazione batterica nel cavo orale. Lo zinco è un preparato ampiamente studiato che non interviene mascherando i cattivi odori ma intervienechimicamentebloccandonel’origine.

Fondamentale è mantenere una scrupolosa igiene del cavo orale con: 

  • utilizzo del filo interdentale almeno una volta al giorno;
  • spazzolamento dei denti dopo ogni pasto (con spazzolino a setole artificiali e dentifrici contenenti “fluoro”)
  • spazzolamento  in profondità del dorso della lingua (anche con lo stesso spazzolino che si usa per lavarsi i denti, ma ancora meglio con uno specifico puliscilingua che riesce in modo più efficace a ripulire il terzo posteriore della lingua: la parte che da verso la gola);
  • uso regolare di un buon collutorio a base di sostanze ad azione antisettica;
  • limitare il consumo di cibi e bevande in grado di provocare l’alito cattivo;
  • ridurre sostanzialmente l’uso del tabacco;
  • ridurre l’uso dell’alcol che provoca disidratazione del cavo orale favorendo lo sviluppo dei batteri che provocano l’alitosi;
  • bere molta acqua durante la giornata, favorendo in tal modo la produzione di saliva, elemento primario per la detersione del cavo orale.

 

In commercio esistono numerosi prodotti ma solo alcuni sono specifici e mirati! Chiedeci consiglio e risolvaremo il vostro problema.

Dr Banzi Angelo