Parodontologia

E’ una branca dell’ Odontoiatria che si occupa di trattare le malattie del parodonto ossia l'insieme di strutture
che circondano il dente e lo mantengono saldamente attaccato all’osso: Gengiva, Legamento Parodontale e Osso
Parodontologia

E’ una branca dell’ Odontoiatria che si occupa di trattare le malattie del parodonto ossia l’insieme di strutture che circondano il dente e lo mantengono saldamente attaccato all’osso: Gengiva, Legamento Parodontale e Osso. Le cause delle malattie parodontali sono principalmente batteriche ma possono essere anche di tipo traumatico e metabolico. E sono causa di due patologie: la GENGIVITE e la PARODONTITE.

 

Come si manifesta una patologia gengivale?

  • Le gengive sono arrossate
  • Le gengive sono gonfie ed hanno una consistenza molle
  • Le gengive sanguinano e sono dolenti
  • Si sente frequentemente un cattivo odore o sapore
  • Recessioni gengivali
  • Tasche parodontali

Gengive sane: che aspetto hanno?

  • Hanno un colorito rosa e una consistenza duro-elastica
  • Non sanguinano allo spazzolamento
  • Formano archi regolari intorno ai denti

GENGIVITE
La gengivite è una malattia di tipo infiammatorio provocata da batteri che colpisce i soli tessuti gengivali. È piuttosto frequente anche nei bambini, facilmente diagnosticabile e può essere curata con successo. La terapia consiste nell’eliminare la causa della malattia, cioè la placca batterica: un film invisibile di batteri che si accumulano specie dove è più difficile tenere pulito. Questo viene ottenuto con idonee tecniche di igiene orale che verranno indicate dall’odontoiatra e che permetteranno di eliminare l’infiammazione gengivale e di prevenirne la recidiva. Una volta che la placca si è inspessita, trasformandosi in tartaro, l’igiene orale domiciliare non è più sufficiente. In questo caso il dentista o l’igienista dentale procederanno ad una o più sedute d’igiene orale, con strumenti a mano o ad ultrasuoni.

LA PARODONTITE
È una malattia infiammatoria  provocata dai microrganismi della placca batterica ed è responsabile di circa il 70% della perdita di denti negli adulti. È indicata come malattia parodontale (o par odontopatia o piorrea) perché colpisce il parodonto, cioè l’insieme di strutture che circondano il dente e lo mantengono saldamente attaccato all’osso. Se non curata, l’infezione procede in profondità: la gengiva si allontana dal dente, creando tasche in cui i batteri si accumulano; il tessuto osseo viene distrutto ed i denti diventano mobili.
————————————–
Fattori di rischio
Placca batterica,  diabete,  il fumo, si associano con più frequenza alla comparsa della malattia.

Terapia
È irrinunciabile, per il successo delle cure, il miglioramento dell’igiene orale ed è auspicabile l’abbandono di abitudini, come il fumo, che possono ridurre la possibilità di successo delle terapie. I trattamenti parodontali possono essere di tipo non chirurgico, detartrasi e levigatura radicolare  associata nei casi più gravi alla Laser terapia  o alla terapia chirurgico ( chirurgia resettiva capace di rimodellare l’osso o chirurgia rigenerativa, che ricostituisce l’osso perso) . In base allo specifico quadro clinico che il paziente presenta.